Proposta: PER UN NUOVO ANTIFASCISMO

PROGETTO MONTAIGNE

Titolo: Per Nuovo Antifascismo

antifa-thegem-blog-default.jpg

Premessa:

Ogni campagna elettorale è sempre peggio, ogni volta sempre peggio della precedente, ed anche in quest’ultima tornata elettorale abbiamo assistito ad una vera e propria carneficina dei vecchi modi di fare politica rispetto a quella precedenza, più che in altre elezioni in questa sono entrate con prepotenza molte novità, abbiamo assistito ad elementi nuovi del panorama politico, come l’importanza sempre più grande di internet, non più con siti internet ma sui social, le fake news, ma in questo caso non stiamo a discuterne di tutti, ma di uno in particolare, che a differenza dei precedenti è sempre stato lì presente e radicato nell’Italia e nell’italiano, quello del ritorno del fascismo.

Il fascismo è ritornato e non tutti se ne sono accorti, chi era distratto, chi pensava ad altro, chi non lo ritiene pericoloso, a chi non da fastidio, chi ci vuole dialogare, chi lo vuole sdoganare, soprattutto sdoganare, è così che questa campagna elettorale ha portato in dote un problema serio e terribile, quello dello sdoganamento del fascismo, il fascismo ci è diventato così buono, il fascismo dal volto umano, il fascismo da parte della ggente contro i poteri forti della politica, dell’economia, questo fascismo che è democratico.

Il fascismo democratico, che entra nel gioco delle elezioni è una delle cose peggiori viste negli ultimi anni, proprio quel fascismo che ha conquistato il potere sovvertendo l’ordine democratico in vari periodi storici per il mondo, e noi italiani dovremmo saperlo bene, ma non è bastato a proteggerci da quest’ondata di fascismo democratico, invitati a parlare in televisione, in radio, nelle piazze, come se fossero partiti democratici normali, la stessa costituzione divenuta inutile grazie ai partiti che hanno scelto la via del confronto politico con queste forze oscure, sì perché gli anticorpi non sono serviti, il vaccino dell’antifascismo è sembrato non potere risolvere il problema.

All’indomani delle elezioni ci hanno raccontato che l’allarme fascismo non è stato presente, sì perché i partiti fascisti che hanno corso per le elezioni non hanno guadagnato seggi in parlamento come le altre forze politiche in giro per l’Europa, ma quello che non si sono accorti è stato l’errore più grave, lo sdoganamento, ridurre a normalità l’abominio del fascismo è stato il successo che le forze fasciste, reazionarie spalleggiate dal potere economico e politico sono riusciti ad ottenere, quando l’allarme è stato oltre all’incoerenza per un partito fascista poter concorrere al parlamento italiano nato da una delle più atroci guerre di resistenza che l’Italia abbia vissuto, ma è il coprire con una nuova coperta, più pulita, ciò che è il fascismo o il neo-fascismo, quello delle aggressioni, degli omicidi, delle violenze verso i più deboli e indifesi, verso le minoranze, verso le forze democratiche.

cronaca-316980.660x368.jpg

L’Antifascismo:

L’Antifascismo con cui viene celebrato il 25 aprile, quello che ha portato fuori l’Italia dalla dittatura e dall’occupazione nazifascista verso la democrazia, quello è sparito, perché è sparito dalle agende politiche, persino in partiti che si sono sempre ritenuti di sinistra, al suo posto un Antifascismo di nicchia, di élite, l’Antifascismo della domenica, non più come stile di vita, ma come hobby, da utilizzare all’occorrenza, di servizio utile nelle giornate noiose, ed innocuo, molto innocuo verso le forze fasciste che si stanno venendo a creare e moltiplicarsi, come ad esempio le dichiarazioni di Giorgio Gori, sindaco PD di Bergamo, in quota Renzi, contro la proposta di abolire la cittadinanza onoraria a Benito Mussolini a Bergamo, che poi chiedeva, ed i suoi chiedevano, voti contro il candidato di destra Attilio Fontana reo di essere troppo di destra.[1]

L’Antifascismo forse non ha fallito, hanno fallito gli antifascisti, quelli della domenica, quelli della politica, usa e getta, non più antifascisti militanti, ma macchiette che non hanno saputo dare risposte e trovare una soluzione al neo-fascismo che invece si è guadagnato l’onore di concorrere come partito democratico, gli antifascisti della domenica si sono riempiti la bocca ed il cervello con la retorica della democrazia che accoglie tutti, con la retorica del buonismo e con la retorica della tolleranza, divenendo tolleranti con gli intolleranti e permettendo a chi non rispetta le regole della democrazia di farne parte.

Ma qualcosa è cambiato, è cambiato grazie ad un nuovo Antifascismo, che ha saputo rispondere come non mai prima, che ha saputo nascere spontaneamente nel cuore di uomini e donne comuni, nascere dal basso e crescendo fra la gente, rispedendo al mittente le parole come tolleranza verso gli intolleranti, hanno risposto in uno dei momenti più belli di tutta la campagna elettorale, in ventimila camminando per le strade di Macerata, dove pochi giorni prima è avvenuto il primo attacco terroristico degli ultimi anni, per mano di un fascista (Guarda caso anche candidato fra le file della Lega) [2][3].

La cosa più bella della manifestazione di Macerata viene dal fatto di essersi resa indipendente dalle logiche dei partiti e delle organizzazioni, dando una risposta semplice, immediata, di partecipazione dal basso, dopo anni l’impegno della persona, del cittadino e del popolo sono tornate fondamentali, non più il richiamo dall’alto, che è stato sostituito da un richiamo della sola partecipazione ed impegno civile, dell’antifascismo come stile di vita, ed è questa una risposta che ci ha dato l’occasione di pensare che la PARTECIPAZIONE è di nuovo importante e fondamentale, oltre ad un nuovo modo di intendere l’ANTIFASCISMO, e come prima proposta vogliamo oltre che dichiararci apertamente ANTIFASCISTI, creare una nuova visione fondamentale dell’Antifascismo, perché non sia stato vano il sacrificio di molti che diedero una scossa all’Italia dopo 20 anni di dittatura e difendendo l’Italia come veri patrioti; E cercare di arginare il cancro del fascismo che a distanza di anni continua ad infestare la nostra amata Italia, e che cerca di riciclarsi nelle istituzioni per riprendersi il potere ed una rivincita che il coraggio di molti eroi e la storia gli hanno impedito giù una volta.

Fino ad adesso abbiamo in qualche modo scherzato, prendendoci il tempo di farci conoscere, ora è arrivato il momento di rimboccarsi le maniche, PARTECIPAZIONE SEMPLICE ha fra i suoi pilastri l’ANTIFASCISMO e la lotta al nazifascismo, perciò è un valore per cui è degno lottare e da cui con il nostro umile lavoro bisogna partire, nei prossimi giorni presenteremo quelle che sono le nostre proposte, per un NUOVO ANTIFASCISMO, militante e di PARTECIPAZIONE civile e popolare.

Siate ANTIFASCISTI

Siate SEMPLICI!

 

NOTE:

1. 25 Aprile, Gori replica all’appello «Cittadinanza a Mussolini resta come monito». http://bergamo.corriere.it/notizie/cronaca/17_aprile_25/25-aprile-gori-replica-all-appello-cittadinanza-mussolini-errore-non-dimenticare-bergamo-ebad3070-299f-11e7-9909-587fe96421f8.shtml.
2. Luca Traini, il 28enne neofascista responsabile dell’attentato di ieri a Macerata, è ora in stato di arresto, con l’accusa di tentata strage aggravata dal razzismo e porto abusivo d’armi. https://www.ilpost.it/2018/02/04/macerata-luca-traini.
3. Macerata, l’attentato fascista riciclato in occasione elettorale. Prima il ritornello del folle. Poi il cambio di marcia, cioè affogare la tentata strage con i numeri dell’immigrazione irregolare: “La bomba pronta a esplodere” di Berlusconi e il negazionismo di Salvini. https://www.wired.it/attualita/politica/2018/02/05/macerata-fascimo-elezioni-destra-razzismo.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...